venerdì 19 novembre 2010

Tempi duri

Fosco faceva il cuoco. Era bravo.
Lo faceva per passione anche se era il suo lavoro.
Aprire una buona bottiglia, mettere su un po' di musica, gustare il colore di quello che avrebbe cucinato e creare l'atmosfera traquilla e incantata necessaria  al buon cucinare erano le cose quanto più possibile lontane da lui.
Fosco iniziava a bestemmiare e tirare madonne già al mercato, quando faceva la spesa, e disprezzava il rosso del pomodoro, la consistenza della bistecca e il bianco del vino in cui avrebbe sfumato le sue pietanze.
La cucina era un coacervo di malumore e acredine, dove Fosco sfogava il suo astio rumorosamente contro pentole, fornelli e ramaiole.
Fosco amava Ada, quella del guardaroba. Ada era una troia, sempre per passione.
Al momento si scopava a ragion veduta quello che parcheggiava le macchine, un paio di vicini di casa, il postino e, quand'era particolarmente annoiata, la propietaria del negozio di animali.
Fosco un giorno andò da lei con un piatto del suo famoso Minestrone Imperiale e le disse Vuoi assaggiare, sciacquetta? e lei rispose Se ti faccio una sega ti cavi dai coglioni subito?.
Lui si voltò, si avviò verso la cucina e gridò Vacca.
Si sposarono e vissero felici 37 anni.
Ebbero un figlio bravissimo con i numeri, che da piccolo voleva fare il commercialista ma poi diventò astronauta.

11 commenti:

  1. Anch'io voglio fare il commercialista!! :D

    RispondiElimina
  2. Ecco, mo' tutti a voler fare il commercialista, quando il mondo ha bisogno di astronauti! tzé.

    RispondiElimina
  3. ma Fosco l'ha chiamata vacca perché non si voleva discostare dall'ambiente culinario secondo te?
    Perché anche zoccola ci stava..

    RispondiElimina
  4. Anch'io una volta ho sedotto una persona con un Minestrone Imperiale. Gran pezzo, as usual, machettelodicaffà. (En passant sarebbe un grande onore per me se volessi scrivere un racconto per il mio blog, ma anche questo chettelodicaffà).

    Santità: vabbeh, mi hai convinto. Telefono alla mia commercialista bonazza per disdire.

    RispondiElimina
  5. stavomeglioquandostavopeggio19 novembre 2010 13:56

    niente niente che se m'impegno mi viene un figlio astronauta ;)

    RispondiElimina
  6. Aspetto la ricetta del Minestrone Imperiale

    RispondiElimina
  7. L'astronauta è proprio un lavoro di merda (per usare un francesismo):
    ti alleni da scoppiare, ti sparano in orbita, non sai mai dove sei, capisci che su marte c'ha pisciato qualche topo, torni a casa e non puoi nemmeno più reggerti in piedi e dovrai continuare ad allenarti per il resto della tua vita perchè sennò muori schiacciato dal peso dell'aria;
    per quanto mi faccia schifo la matematica...preferirei fare la commercialista!
    (Oppure mi farei mantenere dai miei...un cuoco e una zoccola i quatrini ce l'hanno!)

    RispondiElimina
  8. @ mgg64: ah, boh. Per me, perché "vacca!" riempie la bocca, è un signor insultone che lascia soddisfatti . Però bisognerebbe chiedere a lui.
    @ Silas Flannery: il Minestrone Imperiale non sbaglia un colpo. Né una bottarella.
    (en passant, appena ho qualcosa di adeguato te lo mando)
    @ stavomeglioquandostavopeggio: oppure càubòi!
    @ purtroppo: prima pagare lautamente, POI ricetta del Minestrone Imperiale.
    @ Calliope: è un lavoro frustrante, sì; hai tutta la terra piccola piccola davanti e non puoi neanche tirarle uno sputazzo liberatorio che ti si lorda l'interno del casco, acc.
    @ Vaniglia: Vaniglia? Mi preoccupo, sa'?

    RispondiElimina
  9. "che da piccolo voleva fare il commercialista ma poi diventò astronauta." è una roba di rara meraviglia.

    RispondiElimina
  10. :-)))))))))
    Che bello!!!!!! Ti sono mancata!!!!!!!
    Allora... Cominciamo col dire che ho letto questo tuo post dopo aver visto "Dune due la vendetta" e sto ancora col dubbio di aver capito o meno...Ma ora vado a leggere i commenti e magari capisco di aver effettivamente capito.
    Per quanto riguarda Fosco... Com'è che tutti i personaggi che descrivi tu mi stan simpatici? Mi sembrano cari vecchi amici di quelli che dici: "Toh...Ma dov'eravate finiti? E' una vita che non ci si vede!!!" Bello :-)
    Ps: e se scrivi da Silas, mi raccomando, fatti pagare bene!

    RispondiElimina