martedì 20 aprile 2010

E ora, qualcosa di completamente differente (riassunto delle puntate seguenti)

Ultimamente, pensavo a delle robe (cosa, già di per sé, potenzialmente molto pericolosa).
Pensavo che è un po' che non scrivo qui, perché sto facendo una serie di cose che vogliono tempo e capacità di sospendere.
Pensavo che tra poco sarà il 25 aprile e uscirà una mia cosa seria seria, qui ed altrove, e che prima avrei voluto metterci qualcosa di più leggero.
Pensavo che ci son delle vignette pronte ma che non pubblico perché son in altre mani ed è il caso che aspetti, e che in altre mani ancora passeranno.
Pensavo che un progetto collettivo sta prendendo corpo ma che ancora non è il caso di diffondere la cosa ed è meglio attendere.
Pensavo che un'altra cosa sta nascendo e vedrò come butta, senza cucinare una delle mie specialità, che è il fritto misto di illusioni.
Pensavo che l'attesa è pratica indispensabile al desiderio e che la sospensione volontaria è una forma di attesa, così come la lontananza lo è -a volte- e lo è stato, nel creare desiderio di incontrare per esempio quelli che scrivono sul Café di Spinoza, qui, dove confluiscono anche le cose che scrivo qui qui.
Pensavo che qui qui è anche qui là e che qui là è qui qui, e che se si clicca da là si finisce qui a seconda del qui cliccato (così come -per carità- se si clicca qui da là).
Pensavo dunque che la cosa potrebbe tradursi in un loop di collegamenti in cui chi tocca quei "qui" manda in confusione internet e crea un vortice atmosferico (dove volano suore e finalmente si saprà se han mutandoni o lingerie e i parrucchini si librano sembrando scoiattoli nani volanti e si perdono fogli di carta con scritte su storie bellissime e fumetti immortali e decollano mucche ritrovate poi sane a centinaia di chilometri di distanza e da cui -da quella volta- si munge direttamente burro), un vortice informatico (che blocca tutti i software in rete nel mondo tanto che mi mandano Bill Gates a parlare e lui dice "Van deer Gaz, per favore, rimuova quei collegamenti. Io le darò un fantastrilione di dollari per il disturbo" e io "Bill, apprezzo il lato monetario ma sarebbe censura e sai i miei ideali Bill, guarda non si può fare" e lui "Ti ho sempre amato" e io lo bacio appassionatamente per il suo cervello poi gli dico "Bill, questo non cambia nulla, i link rimangono lì e noi torneremo da eterosessuali alle nostre famiglie dimenticando ciò che è successo ora, che è stato bellissimo ma sbagliato" e lui "Ma cazzo sono solo due link in un blog che in confronto a Windows Ogni fa dei numeri di merda" e io "Pensavo reagissi meglio all'abbandono, Bill, non è elegante divenire acida") e un'onda energetica (così, per far contenti i miei figli).
Questo, pensavo.
Pensa te.

10 commenti:

  1. Progetto collettivo?? Ma perché, parteciperi pure tu al piano supersegreto per rapinare tra esattamente 25 giorni la Narodowy Bank Polski (Banca Nazionale di Polonia)?

    ...ops!

    RispondiElimina
  2. se inizia a fumarti il cervello, tocca bloccare nuovamente il traffico aereo!??!!
    :-P

    RispondiElimina
  3. la tresca con bill gates è visionaria. e il fritto misto di illusioni...che te lo dico a fare...

    RispondiElimina
  4. Pensavi cose che spesso penso anche io.
    E - esperienze personali a parte - leggere che pensavi quel che penso anche io mi fa pensare che sia bello pensarla allo stesso modo.

    RispondiElimina
  5. Questo pezzo è una sinfonia, ha la struttura di un film di rapina: la preparazione metodica, in cui alcune cose suppur mostrate sfuggono nel loro senso più profondo, come i gesti di un prestigiatore, e il colpo, in cui viene applicato il genio, con una sorprendente efficacia e precisione. Fantastico! :-)

    RispondiElimina
  6. Sono Bill Gates. Giovedì alla stessa ora, solito posto. Mi manchi anche tu.

    RispondiElimina
  7. sono stato due ore a fare qui lì. maledetto.

    RispondiElimina
  8. @ ghiaccio-nove: nononononononono! Io non c'entro nulla! E non ho nessuna piantina della banca in questione e non ho studiato di scavare nessun tunnel, no-no!
    @Saamaya: uh, sì. Temo di sì.
    @ Marlene, benvenuta su SegnoDisegno. No, no; tu dimmi, dimmi.
    @ uomomordecane: sì, ma questo non significa che faremo lingua a lingua tutta la notte sotto la doccia. Forse.
    @ Deme: detto da te, mi fa un curriculum della madonna. Un complimento in formato europeo.
    @ Blepiro: Bill! Certamente, mi metto quell'intimo che tanto tanto ti sfruguglia.
    @ ed*: allora hai creato il vortice! Allora, le suore?!

    RispondiElimina
  9. stavomeglioquandostavopeggio22 aprile 2010 18:39

    IO SO....CHE TU SAI...CHE IO SO...CHE UN PO' DI TEMPO LIBERO IN PIU' POTREBBE FARTI MALE...CONVOGLIA L'ENERGIA MENTALE...COME FACCIO IO,CONVOGLIO
    (e non osare alzare il sopracciglio sinistro sai!)

    RispondiElimina
  10. Stavomeglioquandostavopeggio, convoglio -per l'ammmordiIddio- convoglio.
    Però PRIMA dare l'induzione ipnotica per il sopracciglio sinistro, POI tutto il resto.
    Che, ormai, per il sopracciglio sinistro è troppo tardi; e mo', come lo tiro giù?!
    Urge nuova seduta.

    RispondiElimina